Differenze tra Osa e Oss

La figura professionale dell’Operatore Socio Sanitario è un ruolo che subentra ad altre due figure professionali: l’Assistente domiciliare e dei servizi tutelari (ADEST) e l’Operatore tecnico addetto all’assistenza (OTA). La sua professione comporta competenze nell’area sociale e nell’area sanitaria.

Il suo compito è rivolto al benessere della persona disabile e al miglioramento della sua autonomia. La figura di Operatore Socio Sanitario è riconosciuta a livello nazionale e i corsi di formazione sono organizzati a livello regionale. L’ Operatore Socio Sanitario è formato per svolgere diverse attività: collaborazione con la famiglia del disabile; assistenza in casa e per l’igiene personale; assistenza nell’accesso ai servizi socio-sanitari e collaborazione con altri ruoli professionali per il raggiungimento dell’integrazione sociale e per servizi di riabilitazione.

Al termine del corso, ha un attestato di qualifica professionale che ha una validità nazionale. L’Operatore Socio Sanitario può inserirsi in strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali. Un’altra figura professionale è Operatore Socio Assistenziale che ha conseguito un attestato di qualifica al termine di un corso OSA. È una figura professionale che ha competenze teoriche e pratiche e le aree in cui può operare sono il settore sociale e il settore sanità. Il suo compito è di assistere la persona disabile con l’obiettivo di migliorare l’autonomia personale e le capacità di autosufficienza nella quotidianità. I disabili per cui è indispensabile la figura dell’operatore socio assistenziale sono soggetti con disabilità mentale, fisica o sensoriale fino all’età di 65 anni.

L’operatore socio assistenziale ha diversi compiti verso la persona disabile e nel suo ambito quotidiano. In particolare fornisce assistenza in casa e per l’igiene personale, oltre a rapportarsi con la famiglia del disabile. Ha rapporti con il personale sanitario e sociale per verificare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi del progetto assistenziale. L’attività dell’operatore socio sanitario è svolta a domicilio, in comunità alloggio, in convitti.

La differenza tra Operatore Socio Sanitario e Operatore Socio Assistenziale è nella durata dei corsi che, nel caso dei corsi OSS è dalle 1000 ore alle 1200 ore, mentre nel caso dei corsi OSA è di circa 700 ore. La figura dell’Operatore Socio Sanitario è stata istituita con l’accordo Stato Regioni del 2001. In pratica la figura professionale dell’Operatore Socio Assistenziale non è una figura infermieristica, quindi le sue competenze sono da considerare parte dell’area sociale e relazionale.

La figura professionale dell’Operatore Socio Sanitario invece può sostenere i concorsi pubblici per l’assunzione ad assistenza del personale infermieristico ospedaliero.

Clicca qui per prendere online il diploma OSS (legalmente riconosciuto, anche più anni in uno)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *