Operatori Socio Assistenziali

L’operatore socio assistenziale ha conseguito un attestato di qualifica al termine di un corso OSA. È una figura professionale che ha competenze teoriche e pratiche e le aree in cui può operare sono il settore sociale e il settore sanità. Il suo compito è di assistere la persona disabile con l’obiettivo di migliorare l’autonomia personale e le capacità di autosufficienza nella quotidianità. I disabili per cui è indispensabile la figura dell’operatore socio assistenziale sono soggetti con disabilità mentale, fisica o sensoriale fino all’età di 65 anni.

Le persone che hanno deciso di seguire la formazione per operatore socio assistenziale, desiderano essere utili alle persone più deboli oppure hanno semplicemente necessità di inserirsi nel mondo del lavoro. L’operatore socio assistenziale ha diversi compiti verso la persona disabile e nel suo ambito quotidiano. In particolare fornisce assistenza in casa e per l’igiene personale, oltre a rapportarsi con la famiglia del disabile. Ha rapporti con il personale sanitario e sociale per verificare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi del progetto assistenziale.

È una figura professionale che si è affiancata a quella dell’infermiere professionale. L’attività dell’operatore socio sanitario è svolta a domicilio, in comunità alloggio, in convitti. Il rapporto lavorativo si instaura con strutture private e indirettamente con strutture pubbliche, grazie alla cooperative sociali. L’assunzione nel settore pubblico può avvenire tramite concorso. I requisiti, di solito, richiesti per partecipare al concorso pubblico sono: avere almeno 18 anni di età; cittadinanza italiana o europea; diploma di scuola media inferiore o licenza elementare, diploma di OSA o equivalente; per i candidati di sesso maschile posizione regolare nei confronti del servizio militare; non essere stati destituiti dal pubblico impiego.

La persona handicappata ha diritti di promozione dell’autonomia e di realizzazione dell’integrazione sociale. Il perseguimento di tali obiettivi deve essere garantito alla persona handicappata e alla famiglia con adeguato sostegno psicologico e psicopedagogico, servizi di aiuto personale o familiare. È una citazione di ciò che è sancito dalla legge quadro sull’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.

Un’altra figura professionale nell’ambito socio assistenziale si è inserita a supporto, nell’area socio assistenziale: l’Ausiliario socio assistenziale o ASA. L’operatore si occupa di attività per il mantenimento del benessere psicologico e fisico della persona e per il raggiungimento dell’integrazione sociale. È di aiuto nella quotidianità e svolge la sua attività con margini minimi di discrezionalità. Si affianca ad altre figure professionali sia nel campo sociale, sia nel campo sanitario.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *