Attività Disabili

L’integrazione sociale per le persone disabili può avvenire tramite diverse attività che consentono la condivisione, la conoscenza e il divertimento. La disciplina dell’ippoterapia è una di queste attività. La riabilitazione equestre è fondata su tecniche che permettono la creazione di un rapporto tra la persona affetta da problemi neuro-motori e il cavallo. L’obiettivo è il supporto alla persona disabile.

È utile nei casi di  disabilità motoria e psichica, autismo, sindrome di Down, insufficienza mentale e schizofrenia, disturbi del linguaggio e del comportamento. La lezione si svolge con un istruttore qualificato. La prima fase è a terra con l’avvicinamento tra il cavallo e il soggetto disabile, per l’instaurazione di un rapporto tra i due. La seconda fase è a cavallo, con lezioni base di equitazione. I benefici di questa terapia sono di tipo cognitivo, comportamentale, psicosociale e psicologico. Ci sono miglioramenti nelle capacità di relazione, di socializzazione e dell’autostima.

Inoltre si verifica un rilassamento corporeo e un miglioramento della memoria. La terapia con i cavalli ha origini lontane, ai tempi di Ippocrate. La Pet therapy permette, attraverso il contatto con un animale domestico, una riduzione dello stress e della conflittualità. La terapia è indicata per le persone con patologie legate agli aspetti fisici e mentali, con il supporto di un medico o uno psicologo. I soggetti con handicap fisici devono avere anche l’assistenza di un terapista della riabilitazione. Il veterinario ha un compito diverso.

Deve occuparsi della selezione dell’animale più adatto al tipo di terapia indicata per il soggetto disabile. Allo stesso tempo deve porre attenzione allo stato di salute dell’animale, per evitare possibili trasmissioni di  malattie. Oltre al veterinario, un’altra figura professionale interviene nella selezione dell’animale: l’etologo. L’etologo esamina il comportamento e l’attitudine dell’animale. Una volta analizzato l’animale, rende partecipe dell’analisi il soggetto disabile, la famiglia e gli operatori per stabilire il lavoro che può compiere nei limiti del suo benessere.

È fondamentale, alla base, il lavoro degli operatori per addestrare l’animale a raggiungere gli obiettivi prefissati con il soggetto disabile. Il laboratorio di cucina è un’altra occasione di socializzazione. Questo tipo di attività permette di mantenere attive le abilità motorie residue.  Un’altra attività è rappresentata dai corsi di danceability. La danceability è una tecnica di danza che può essere svolta da persone con diverse abilità fisiche ed è in grado di accrescere le capacità sensoriali e di relazione. Inoltre è una possibilità di incontro, di danza e di socializzazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *